Orsolina Art Foundation

LA PIÙ VIVA DELLE CITTÀ MORTE

Adriano Bolognino


In occasione della ventottesima edizione di Artissima, Adriano Bolognino torna a Orsolina28 per una presentazione site -specific in esclusiva di “La più viva della città morte” nel nuovo spazio The Eye.

La creazione, iniziata alla Biennale di Venezia College 2019, con il sostegno della Orsolina Art Foundation è stata terminata dopo due settimane di residenza e presentata nella sua versione integrale ad Orsolina28.

“Per quanto tempo resterai nascosto dietro una statua d'argilla?”

Ispirata alla città di Pompei, LPVDCM è un viaggio indietro nel tempo e allo stesso modo una visione personale di quello che oggi, dopo la catastrofe dell'eruzione è la città: i calchi, così veri e umani, l'esplosione, le feste sontuose, le cacce festive, la bellezza ed i colori di questa eterna città.

Una vicenda che mette in luce la meravigliosa fragilità dell'uomo di fronte alla natura.

Un qualcosa di eterno che è in netto contrasto con la forza prepotente e distruttiva della natura. Vedere la bellezza nella catastrofe, nelle rovine. Un misto di paura e stupore dove la fine porta all'inizio.

Senza dimenticare il dolore. Non puoi dimenticare la paura se ha attraversato completamente ogni parte del tuo corpo.
La bellezza di prima, la bellezza di oggi.

Durata complessiva: 50 minuti
The Eye

Biografia

  • Adriano Bolognino

    Leggi tutto

    Adriano Bolognino nasce a Napoli nel 1995. Lavora come danzatore in giovani compagnie come Milano Contemporary Ballet, Valencia Dancing Forward e StudioXL Reggio Emilia, danzando creazioni di Wayne McGregor, Marcos Morau, Roberto Altamura/VittoriaBrancadoro, Joan Crespo, Francesco Curci, Natalia Iwaniec, Damian Munoz, Laura Matano, Nicoletta Cabassi. Nel 2018 lavora con il coreografo Jorge Crecis come danzatore e poi come assistente all’Università delle Arti di Malta.

    Come coreografo crea nel 2019 per la compagnia EgriBianco la creazione “Your body is a battle ground - trio version” e la creazione “Preludio dell’anima” per il progetto di formazione OCDP di Verona. Le sue creazioni vanno in scena in festival, rassegne e teatri nazionali ed internazionali tra cui Cross Festival Verbania 2019, Peccati di Chore/Opifico di Roma, LDIF Leicester, Whatwe are Udine, Opus 1 Slovenia, Corpo Mobile Festival, Inventaria Festival, Monday DanceNapoli, Festival Ammutinamenti, Fabbrica Europa 2020, Gender Bender Festival 2020, Estate Fiorentina 2019, Prospettiva Danza Padova 2020, e Biennale Danza College Coreografi 2019, dove realizza La più viva delle città morte. Con “RM94978 from Paris to Tenerife”, lavoro selezionato per la Vetrina della giovane danza d’autore 2019 Anticorpi XL, è finalista del Premio TWAIN_direzioniAltre e vince nel 2019 il Premio Prospettiva Danza Teatro di Padova. È uno dei coreografi di Anghiari Dance Hub2019, dove crea “Gli Amanti”.

    La Biennale di Venezia gli commissiona un nuovo lavoro per il festival 2020 (“Your body is abattleground - solo version”) con la produzione di Cornelia. La creazione “Gli Amanti” è selezionata per la piattaforma Aerowaves 21.