Eventi

Focus on creation 2022

Incontri con la nuova danza

4 giu – 23 lug 2022

Torna sull’Open Air Stage la rassegna estiva di Orsolina28 Art Foundation dedicata ai talenti emergenti della danza contemporanea. Giovani artisti internazionali portano in scena appunti dei loro nuovi lavori coreografici per condividerli in anteprima assoluta con il pubblico di Focus on Creation.

Tra mecenatismo e sostenibilità, Orsolina28 Art Foundation si impegna a sviluppare una nuova visione del rapporto tra creatività, sostegno al talento e rigenerazione sociale.

Tutti i ricavi netti delle attività commerciali sono devoluti a sostegno dei progetti di Orsolina28 Art Foundation.

Ingresso gratuito | Inizio spettacoli ore 19:30

Prenota il tuo posto

Sabato, 4 giugno – Call for Creation

Corrupt(ed) Madison Hicks
Ordinary Marco di Nardo & Juan Tirado, Frantics Dance Company

Ingresso gratuito | Inizio spettacoli ore 19:30

Prenota il tuo posto


Corrupt(ed) Madison Hicks
Corrupt(ed) studia le dinamiche di relazione di due persone che si identificano al femminile. Esplora le molte fasi di una relazione tossica. È stato ispirato dallo studio e dall'osservazione delle dinamiche di relazione nella società americana. Questo lavoro mette in discussione le norme di genere insieme al lavoro, alla famiglia e alle dinamiche delle relazioni romantiche e amplifica la tossicità delle relazioni in America. Come una lente d'ingrandimento sulle relazioni di tutti i tipi, concentrandomi in particolare sui traumi che portiamo dentro e fuori la nostra bolla della società.

Ordinary Marco di Nardo & Juan Tirado, Frantics Dance Company
La realtà è qualsiasi cosa che possiamo percepire usando uno o più dei cinque sensi: gusto, olfatto, tatto, udito e vista. È possibile che la realtà sia semplicemente una simulazione computerizzata ultra high-tech. Tutta la ricerca si basa sulla "Teoria della simulazione" del filosofo svedese Nick Bostrom. L'idea alla base è come due esseri umani possano lottare, amare ed essere amati, discutere e comunicare l'uno con l'altro. Il pezzo nasce da una profonda ricerca su come gli esseri umani sono sfidati dall'ambiente in cui sono creati e come trovano un modo per affrontare il problema fondamentale dell'egoismo che caratterizza la nostra specie. VIVIAMO IN UNA SIMULAZIONE? La domanda è stata fortemente dibattuta fin dal periodo illuminista. Non c'è una risposta definitiva, ma la teoria della simulazione postula che l'universo come lo conosciamo sia un costrutto digitale avanzato supervisionato da qualche forma superiore di intelligenza.

Scopri di più

Sabato 11 giugno Call for Creation

Looking for Totoro - Danae & Dionysios
Hunger - Mike Tyus

Ingresso gratuito | Inizio spettacoli ore 19:30

Prenota il tuo posto


Looking for Totoro - Danae & Dionysios
mira a diffondere la danza contemporanea in comunità isolate, situate lontano dai centri urbani. Ispirato ai film di Hayao Miyazaki "Princess Mononoke" e "My Neighbour Totoro", rifletterà una creatura misteriosa ma amichevole, magica ma familiare, e si avvicinerà ai più giovani per smuovere la loro curiosità di incontrarla. Questa creatura insolita trasformerà l'atmosfera aggiungendo una dimensione onirica e magica, mentre la danza e il movimento rimarranno ancora il fulcro della performance. Adottando gli stessi principi dei film di Miyazaki, vogliamo che Looking for Totoro sia un'occasione per creare mondi fantastici che riecheggiano i nostri problemi. Una narrazione semplice ma potente, che lasci gli spettatori a contemplare questioni importanti e che risuoni emotivamente con il pubblico. Vogliamo usare la nostra arte per influenzare le giovani generazioni e avvicinarle a una conversazione sulle questioni ambientali. Per sollevare la domanda più vitale: come possiamo ispirare i più giovani? Il nostro obiettivo con Looking for Totoro è capire le ragioni per cui abbiamo raggiunto un punto di crisi, un bisogno di equilibrio tra le giovani generazioni e la natura è più che necessario.

Hunger - Mike Tyus
Hunger explores human sexuality and relationships through the language of movement. Within every human relationship a carnal and primitive instinct exists, irrepressible, untamed, animal in nature. The fairytale version of relationships does no longer hold true: there has been a shift in narrative and an uncovering of what is actually real. There is a constant juxtaposition within the relationship between pleasure and pain, joy and contempt, power and submission. Hunger explores the play between sex and food and the primitive need to consume and be consumed.

Scopri di più

Sabato 25 giugno – Anteprima “site specific”

Rua da Saudade – Adriano Bolognino

Ingresso gratuito | Inizio spettacoli ore 19:30

Prenota il tuo posto


Rua da Saudade - Adriano Bolognino
“Ogni Saudade è una capsula trasparente, che sigilla e al contempo offre visione, di ciò che non si può vedere, che si è lasciato dietro di sé, ma che si conserva nel proprio cuore.” Saudade è nostalgia del futuro, rimpianto del tempo perduto e angoscia del tempo che verrà. È il dolore per un momento di vita finito, per la lontananza dalla propria terra.
È la mancanza di un amico perso, è stato d’animo latente, che domani sarà coscienza.

La Saudade è un'atmosfera, uno stato d’animo, che si presta perfettamente ad essere dipinta tramite l’infinita potenza delle immagini. È da questo insieme di emozioni e sensazioni che nasce il progetto di Bolognino. Ispirandosi a Fernando Pessoa e alle sue quattro principali personalità letterarie, quattro danzatrici, in scena, interpreteranno diversi eteronimi, tutti dotati di biografia e autonoma personalità, ognuno dei quali ha avvertito la propria e intima forma di Saudade. Ognuno esiste come singolo ed in relazione agli altri; questo perché la Saudade a differenza della nostalgia o della solitudine è condivisibile, è sperimentabile non solo a livello individuale ma anche collettivo, ed è rivolta al futuro, quest’ultimo vissuto non come incertezza ma come desiderio di ciò che ancora non si possiede, ricco di speranza.

Scopri di più

Sabato 16 luglio – Student Open Sharing

Nunes/Flock - Creation Program
(Juliano Nunes, Alice Klock and Florian Lochner)

Ingresso gratuito | Inizio spettacoli ore 19:30

Prenota il tuo posto


Nunes/ Flock - Creation Program
(Juliano Nunes, Alice Klock and Florian Lochner)

Un workshop di una settimana incentrato sul processo creativo, che si immerge nel tentativo di superare i confini tra balletto classico e danza contemporanea. Ne nascerà una nuova creazione, che servirà da percorso per i danzatori per scoprire le loro capacità, concentrandosi sul ritmo, sul partnering e sul lavoro di gruppo. Un'opportunità per far parte di una nuova creazione con Juliano Nunes che culminerà in una performance al termine del workshop.

Guidati dal duo di danzatori/coreografi FLOCK, Alice Klock e Florian Lochner, i workshop si concentreranno sulla fiducia, la comunicazione e le possibilità che nascono da una partnership paritaria. FLOCK utilizza un approccio unico e non-binario al partnering per guidare ogni danzatore attraverso nuovi modi di comprendere il contatto e la propria fisicità nel contesto della connessione. Con FLOCK, ai partecipanti non viene chiesto di adattarsi ad un modello ma piuttosto di esprimere ed esplorare pienamente la loro abilità artistica e personale.

Scopri di più

Sabato 23 luglio – International guest

Icarus - Pontus Lidberg

Ingresso gratuito | Inizio spettacoli ore 19:30

Prenota il tuo posto


Icarus - Pontus Lidberg
In Icarus, il coreografo Pontus Lidberg inserisce audacemente un cuore “queer” nei miti greci classici. Si tratta dell'ultima parte di una trilogia ispirata agli esseri liminali della mitologia greca, colti nel paradosso di essere sia umani che non umani, ma allo stesso tempo nessuno dei due. Troppo umani per essere animali, ma non abbastanza umani per essere accettati come tali, vivono al di fuori dei confini della società. Le prime due parti della trilogia, il pluripremiato Siren (2018) e Centaur (2020), sono incentrati attorno ad esseri liminali effettivi, nati con i tratti fisici della loro ibridazione. Icarus, invece, si ispira a un ragazzo che non è nato come essere liminale, ma è morto come tale.

Molte persone conoscono Icaro come il giovane che volò troppo in alto e precipitò verso la morte. In altre parole, ha fallito. In questa terza parte della sua trilogia sugli esseri liminali, Lidberg attinge alla storia di Dedalo, il maestro artigiano che cercò di fuggire da Creta con suo figlio Icaro, costruendo delle ali e volando via. Lidberg mette in crisi questa relazione archetipica padre-figlio immaginandoli come amanti. In quanto tale, il centro estetico di Icarus, come in gran parte del lavoro di Lidberg, è il rapporto tra due uomini, in cui l'addio è già incorporato nel primo incontro.

Scopri di più

Regalati un week-end tra natura e arte.

Due giornate tra danza, musica, passeggiate e buon cibo per un’esperienza rigenerante nel mondo di Orsolina28.
Un’esperienza tra natura e arte, per apprezzare la bellezza dei luoghi esaltata dall’incontro con il talento dei giovani artisti della danza e della musica che Orsolina28 Art Foundation sostiene e promuove.
Un’occasione per dormire sotto le stelle nelle confortevoli cupole del Glamping e scoprire tutte le attività che si possono fare a Orsolina28.

Un nuovo modo di coniugare divertimento, cultura e benessere, nel cuore del Monferrato!

Scegli e prenota il tuo week-end su Orsolina28

Focus on creation 2022 4 giu – 23 lug 2022
Prenota il tuo posto